Latest News

» »

Quattro ispirazioni per arredare la cameretta dei bambini

Novembre 13, 2018

Immaginare una soluzione e arredare la cameretta è uno dei grandi dilemmi che si presentano quando la famiglia si allarga con un nuovo arrivo. Molti neo-genitori ci pensano solo nel momento in cui il bambino comincia effettivamente a vivere i nuovi spazi, dopo i primi mesi di vita, altre coppie anticipano la decisione già durante la gravidanza, in modo da arrivare pronti al momento di allestire la stanza del piccolo (o della piccola). Gli elementi da tenere di conto nella scelta di una soluzione sono diversi, così come le domande da porsi: fino a quanti anni resterà in questa stanza? Prima o poi arriverà un fratello (o una sorella)? Che tipo di attività svolgerà il bambino nella sua cameretta? Basterà lo spazio che abbiamo a disposizione?

Se queste domande sono un buon punto di partenza per cominciare a pensare ad una soluzione, quello che è certo è che ci sono alcuni elementi che non possono mancare nella cameretta di un bambino: letto, tavolo e sedie, armadi e naturalmente gli immancabili contenitori per riporre i giochi. Sono questi gli ingredienti con i quali realizzare la ricetta perfetta per arredare al meglio la cameretta dei vostri bambini.

Ecco quattro ispirazioni per arredare la cameretta dei bambini

UN LETTO PER TUTTE LE STAGIONI: IL LETTO EVOLUTIVO

È sicuramente l’acquisto sul quale è necessario meditare di più, visto che coinvolge molti aspetti differenti. La crescita del bambino è segnata da fasi diverse, ognuna ha le sue caratteristiche specifiche. Inoltre, quando si parla di sonno, non tutti i bambini maturano le stesse abitudini: alcuni riescono a dormire da soli già nei primi mesi di vita, altri hanno bisogno di più tempo per acquisire la sicurezza necessaria e fare sonni tranquilli nel loro lettino. Il letto del bambino deve essere a prova di caduta e dotato di protezioni che impediscano gli urti, così da scongiurare ogni tipo di pericolo.

Considerati i ritmi di crescita, un letto in grado di adattarsi alle misure del bambino permette di evitare di acquistare un nuovo modello ogni due o tre anni. E il letto evolutivo è una soluzione ideale in questo senso. In commercio ne esistono molti modelli, la caratteristica che li accomuna è la capacità di accompagnare il bambino dalla nascita fino ai primi anni di vita. Come fanno questi tipi di letti ad adattarsi alla crescita dei piccoli? Semplice, sono dotati di differenti posizioni che permettono di modificare la lunghezza della struttura: si passa dai 120 cm per i neonati ai 150 cm che possono andare bene per i bambini fino ai 7 anni di età. Alcuni modelli prevedono anche una misura ulteriore, con una lunghezza di 160 cm che può andare bene fino ai 9 anni.

letto evolutivo cameretta bambiniTAVOLI E SEDIE

Non appena riuscirà a canalizzare meglio la sua energia creativa, il bambino comincerà ad aver bisogno di uno spazio adatto ai suoi slanci “artistici”. Per questo, tavolo e sedie non devono mai mancare nella sua cameretta, anche perché più avanti saranno il luogo della lettura, dello studio e dei compiti a casa. Le parole d’ordine sono praticità, comodità ed ergonomicità.

Alcuni esempi? Le soluzioni di Doimo CityLineMoretti Compact, aziende italiane che propongono numerosi modelli adatti a gusti e stili diversi. Ve ne presentiamo tre:

Nella cameretta Doimo l’ambiente è pensato per due e organizzato con creatività a partire dalla zona studio. Un sistema intelligente, fantasioso e rispettoso della libertà di movimento dei bambini.

Una soluzione ideale per sfruttare la luce naturale e favorire il gioco e lo studio senza affaticare gli occhi invece, è quella proposta da Moretti Compact: un piano scrivania in frassino bianco che poggia da un lato su gambe laccate in giallo e dall’altro lato sui moduli libreria.

La terza cameretta  infine è ideale per le femminucce. Una scrivania con piano sagomato e bordi arrotondati, sotto al piano un wallbox sospeso con due cassetti che raccoglie tutto ciò che serve al gioco ed allo studio, sulla parete un altro gruppo di wallbox aperti a giorno completano l’area studio.

POCO SPAZIO A DISPOSIZIONE: UNA CAMERETTA A PONTE

Il nome potrebbe ingannare, lo scopo di queste soluzioni è quello di ottimizzare lo spazio. La cameretta a ponte è un ottimo metodo per arredare una cameretta quando lo spazio è poco e la parete a disposizione per collocare letto e armadio è una sola.

La cameretta a ponte solitamente è formata da un ampio armadio posto al di sopra del letto (da qui il nome di armadio a ponte), provvista di ante a battente o scorrevoli. Oltre alla struttura che sovrasta il letto, gli armadi a ponte sono dotati di solito anche di una o due colonne laterali, con cassetti e ripiani a giorno che possono essere utilizzati anche per riporre libri e soprammobili, oltre che fungere da comodino per avere tutto a portata di mano.

Il letto invece si può presentare come un comodo divano, pronto però per essere utilizzato la notte. Nella parte inferiore può essere presente un ulteriore letto estraibile o un comodo contenitore.
Al posto del letto singolo, alcune composizioni prevedono invece due lettini affiancati, posti in posizione perpendicolare all’armadio.

Un esempio? La soluzione proposta da Doimo Cityline.

UNA CAMERETTA IN STILE MONTESSORI

Maria Montessori è stata un’educatrice vissuta a cavallo tra XIX e XX secolo che ha contribuito all’invenzione di un nuovo metodo educativo. Il cosiddetto “metodo Montessori” si basa su due pilastri, la libertà e il movimento, e prevede che i bambini possano vivere in uno spazio che possano vivere e sfruttare da soli. Nelle camere Montessori tutto è a misura di bambino: gli elementi di arredo devono rispettare le proporzioni del bambino per favorirne l’indipendenza e la sicurezza.

IL LETTO
Niente sbarre, secondo il metodo Montessori il bambino deve essere indipendente come un adulto e potersi alzare e scendere dal letto in autonomia. Per evitare cadute, il letto deve essere molto basso, intorno ai 25 cm da terra. Andare a nanna diventerà un gesto naturale e il bambino si sentirà rassicurato da un lettino a sua misura. In commercio esistono diversi modelli, in alternativa è possibile tagliare le gambe di un lettino tradizionale.

ARMADIO
Il principio è lo stesso: un bambino deve poter vestirsi in autonomia, accedendo senza problemi a tutti gli scompartimenti dell’armadio. Quindi armadi bassi e il più possibile aperti.

LIBRERIA
Per poter accedere liberamente ai libri, nella loro cameretta i bambini devono avere una libreria frontale, sulla quale si possano riporre i libri con la copertina in evidenza. In questo modo anche i più piccoli potranno riconoscere il loro libro preferito.

TAVOLI E SEDIE
Se siete mai entrati in un asilo, avrete presente di cosa stiamo parlando. Nella concezione di Montessori, i tavoli e le sedie per i bambini devono essere a misura, così da permettergli di potersi esprimere liberamente anche dal punto di vista creativo.

Un ultimo consiglio: al di là della soluzione scelta per l’arredamento della cameretta dei vostri bambini, è fondamentale che l’ambiente sia sicuro e in grado di accogliere i suoi giochi e le sue attività senza metterlo in pericolo. Quindi meglio coprire le prese di corrente troppo accessibili ed eliminare tutti quegli oggetti che possono risultare potenzialmente pericolosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top